Pagine: Pagina1 Pagina2 Pagina3  
Paragrafi Benvenuti Blog Mailing_List  

Benvenuti!
Benvenuti nel mio sito. Il mio nome è Gianni Soldati e sono un illustratore freelance.
Questo sito è il mio portfolio. Vi ho raccolto alcuni dei miei lavori, illustrazioni e modelli 3d.
Le sezioni del sito sono raggiungibili con la pulsantiera qui a fianco.
Se non vedete la pulsantiera cliccate qui: Mostra la pulsantiera.
Se avete bisogno di un grafico-illustratore scrivetemi pure. Il bottone della E-mail è nella pulsantiera.

Feed RSS
Iscriviti al mio feed RSS
Saprai subito se ci sono novità.

Facebook
Vienimi a trovare su Facebook.
Non partecipo molto ma ci sono!


06/07/17 Mach Patrol da Daitarn3.
Prologo
Quanto tempo che non aggiorno il mio sito.
La vita purtroppo ti porta via un po' alla volta ciò a cui tieni davvero e così facendo viene anche a mancare la voglia di combatterla.
Il mio hobby della modellazione 3d continua ad essere solo un hobby visto che il lavoro non c'è più da tempo. E senza soldi ne soddisfazioni passa anche la voglia di fare.
Ma l'amore per la modellazione rimane e anche quello per i cartoni animati storici!
E da quell'amore nasce ancora qualche modello da mostrarvi. Come oggi.
Mach Patrol e Mach Attacker
Direttamente da Daitarn3, cartone animato Sunrise del 1978 la mitica Mach Patrol di Aran Banjo!
Una delle auto più fiche di sempre! Bella come auto con la sua livrea bianca e blu
e la stella sulla fiancata. Ancora più bella come aereo! A colpire fu la sua trasformazione così credibile (pensate alla follia della trasformazione del Getter e capirete perchè dico questo) che venne riprodotta fedelmente nel giocattolo che tutti quelli che lo hanno avuto come me ancora se lo ricordano!
Come mio solito ho cercato di renderla credibile aggiungendo dettagli senza cambiare le forme originali. Niente scempi come nei Transformer di Bay quindi ma solo aggiungere piccole cose che potremmo pensare essere sempre state anche nel cartone ma non disegnate perchè secondarie.
Però ci sono eccezioni che confermano la regola! Come sempre ci metto del mio per rendere il modello unico. Ho aggiunto alcuni adesivi che esistevano solo sul giocattolo! Come omaggio al giocattolo e perchè molto belli secondo me. Lo stemma sul cofano ne è un'esempio. La stella sulla fiancata invece c'è sempre stata io l'ho solo arricchita secondo un disegno ispirato alla polizie locali americane.
Principale fonte d'ispirazione dell'autore secondo me fu un'auto storica della polizia giapponese che le somiglia molto per la V nera sul cofano, la lampada sul tetto, lo schema bianco e nero (anzichè blu scuro), i 4 fari ecc.
Ho fuso i dettagli e le cromature di quell'auto vera con la Mach Patrol dei settei originali ed ecco il risultato.
Il modello è trasformabile in Mach Attacker! Ogni dettaglio della trasformazione è stato riprodotto. Sarebbe bello farne un filmato ma è tanto lavoro che mi risparmio.
Spero vi piaccia!
Mach Patrol


Mach Attacker

18/02/16 Pistola Sci-fi e terreni.
Pistola Sci-Fi
Quanto tempo! Purtroppo riuscire a finire un modello è sempre più difficile per i tanti problemi in casa. Ma ogni tanto torno a postare qualcosa. Ancora una volta niente robot ma meglio di niente.
Questa volta vi mostro una pistola fantascientifica di mia ideazione. Il design è nato in realtà fondendo insieme diverse pistole più o meno note da cartoni e concept cercando però di legare le parti tra loro sia per dargli un senso logico che essere esteticamente compatibili.
Mi serviva un modello da testurizzare con la Quixel Suite e invece di usarne uno vecchio ho creato la pistola apposta. Il passaggio su Quixel però devo ancora farlo.
E' importante notare che il modello è tutto poligonale. Un tuffo nel passato per me! Tornare a modellare con normali poligoni è stato divertente. Si lavora velocemente e senza dover pensare troppo. E' una gioia creare così invece che con le evolute subdiv...spesso anche inutili a ben vedere.


Terreni
Nuovi esperimenti per un progetto mai completato ma non abbandonato. Avevo bisogno di vari terreni per esterni, leggeri per il computer ma sufficientemente dettagliati per un "quasi" primo piano. Partendo dalle solite foto gratuite in rete e con Photoshop e Ndo ho creato questi terreni tramite normal, displacement e diffuse. Non male no? Mi sembrano piuttosto credibili e non pesano affatto in scena che era la cosa più importante per me dovendo testurizzare un parco intero.


17/09/15 Modellini Star Wars
Premessa
La Bandai da qualche mese si è messa a produrre stupendi kit del mondo di Guerre Stellari. Non ho potuto resistere e mi sono comprato quelli che reputavo più adatti per un kit interamente in plastica. Ho evitato quindi Darth Vader col suo orribile mantello plasticoso. Tutti modelli comprati in Giappone ma è' notizia di pochi giorni fa che ora di tutti questi modelli è vietata la vendita fuori dai confini nazionali. Sono contento quindi di averli presi in tempo. Avrei reso anche le astronavi ma ho già quei modelli seppur preistorici e inesatti. Devo prima fare quelli. Ecco a voi i primi modelli montati da scatola e ripuliti. Ne manca solo uno. Nessuna vernice, solo perfetta finitura dei pezzi.
Stormtrooper
Lo Stormtrooper è uno dei pochi modelli umani che si presa a una resa plastica. L'unica stoffa nel costume è la tuta nera sotto l'armatura e il fodero dell'arma. Il resto è di plastica persino nel modello reale. Il kit è stupendo e facilissimo da fare. Una sola grossa giuntura visibile è sul retro del casco. Ma io l'ho già eliminata col mio stucco invisibile (niente Photoshop cari miei!). Le altre seams sono state tutte tolte scartavetrando e lucidando. Difetti? Rispetto al modello reale ci sono delle differenze. La più evidente è negli occhi. Questo kit non ha la palpebra superiore bianca tra occhio e visiera nera. Avrebbe creata perché cambia tantissimo il viso del modello. I piedi poi sono troppo plasticosi. Nel film lo Stormtrooper ha scarpe di pelle bianca piene di pieghe come ogni scarpa normale. La caviglia poi è ovviamente di fantasia ma non si può sostituire se non bloccando il piede e scolpendola. In più la cintura in vita è troppo spessa! Molto molto di più del dovuto. Forse si più ridurre il problema con qualche trucchetto.


R2-D2
L'astrodroide più importante della saga! Per certi versi il vero protagonista della storia. Kit dettagliatissimo. Ho controllato mille foto e per ora è quasi perfetto. Ha anche tutti gli utensili con sportelli apribili. Difetti? La testa va assolutamente dipinta. Uno più anche scegliere di non dipingere altro ma la testa lo richiede. Perché ha due grosse seam da stuccare e verniciare e perché la plastica color metallo è sempre orribile su aree grandi (passabile sui dettagli). Anche tutti gli utensili vanno dipinti perché veramente sintetici e monotoni altrimenti. Devo solo vedermi di nuovo i film per esaminarli nel dettaglio. Si sente la mancanza delle luci nella testa! Sul serio...come si fa non metterci un led! Diventerebbe un gioiellino!


R5-D4
Ed ecco a voi il terzo incomodo! Viene venduto insieme a R2D2 ma credo proprio che nessuno se lo comprerebbe da solo! R5 è il droide scelto da Luke in episodio 4 che si scassa immediatamente e R2D2 lo sostituisce! Ammetto che per molti versi è più bello di R2! Non per la testa ma per le aree rosse che gli danno gran vita. Anche come modello è meglio di R2, perché non ha seam giganti sul testone! E' praticamente perfetto così! Ah si, l'antenna è un po' spessa rispetto a quello vero. Comunque carino! L'idea iniziale è stata quella di cambiargli la testa, cambiargli i colori e creare un droide originale "cattivo" pieno di armi! Potrebbe essere divertente.



post precedenti

La mia mailing list
La mailing list non esiste più. D'ora in poi chi vuole sapere se ci sono novità nel mio sito deve abbonarsi al Feed in alto in questa pagina.


Licenza Creative Commons
Quest' opera di Gianni Soldati concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Tutti i marchi citati in queste pagine sono copyright dei rispettivi proprietari.